Passa ai contenuti principali

Il teatro si mette in palio


di Carlotta Frizzele 3aA e Marta Cabras, 3aI



26 compagnie, 16 serate: il palio teatrale studentesco "Città di Udine - Ciro Nigris" è tornato con i suoi appuntamenti che ci accompagnano dal 1972 e che offrono ai ragazzi coinvolti un grande spazio di creatività e crescita. Il sipario si è alzato il 26 aprile con il gruppo "Zagara", formato dai giovani del Presidio di Libera "Cosimo Cristina", di cui molti i marinelliani, che approda per la prima volta sul palco del Palamostre. Portano in scena "Amara terra mia", uno spettacolo che profuma di arance, dà voce a Giovanni Falcone e Rita Atria, si fa testimone di giustizia, facendoci così percorrere la lotta antimafia dalle vie di Udine alla piazza di Palermo.In questo esempio di teatro sociale, partecipano anche i ragazzi di Ospiti in Arrivo dando il via al filo rosso di questa edizione: l'accoglienza. Le serate si susseguono numerose con la partecipazione di diverse scuole della provincia. Il 30 aprile è la volta della compagnia "Retroscena!" e del "Copernidrama". I primi, una garanzia in quanto a comicità ed esperienza, propongono "L'ultima cera", una libera elaborazione che unisce rievocazioni storiche e teatro di strada. Il gruppo del Copernico, con coraggio, tenta una rivisitazione in bianco e nero di "Troilo e Cressida", opera di Shakespeare. Infatti, in occasione del quattrocentesimo anniversario della morte del noto drammaturgo, numerosi sono i gruppi che omaggiano il suo lavoro ridando vita alle sue intramontabili opere.
La rassegna continua con il Percoto e la loro versione della commedia di Dario Fo, "Aveva due pistole con gli occhi bianchi e neri", interpretata con grande maestria tra colpi di scena e un brillante umorismo basato sul gioco del doppio. Segue poi l'aggrovigliata spensieratezza di "Our Fair Ladies", rilettura dell'opera "Pigmalione", che lo Zanon riesce a fare propria inserendo libere, ma decisive sequenze drammatiche al punto da allontanare lo spettatore dall'idea del lieto fine che caratterizza il film. Lo Stellini cambia approccio, rispetto agli anni precedenti, portando in scena la grande energia della "Mostellaria" plautina mentre il 17 maggio termina l'attesa per lo spettacolo del Malignani, che da sempre sorprende per originalità e accuratezza. Quest'anno presentano "Re Lear" cimentandosi nella tragedia shakespeariana analogamente al gruppo della nostra scuola. I Mattiammazzo, infatti, portano in scena il "Macbeth", cercando di sfatare il luogo comune creatosi attorno alla celebre opera, che la vuole portatrice di sventura. Il dramma prende vita dalla profezia delle streghe che dà il via ad una sanguinosa lotta di potere guidata dall'ambizioso Macbeth e dalla sua spietata Lady. Tale lotta riflette gli scontri che si sono susseguiti durante il percorso del gruppo, favoriti dall'elevato numero di componenti. 39 sono i baldi giovani che quest'anno, guidati dall'estro della coordinatrice Serena Di Blasio, salgono sul palco trasformando ogni cattivo presagio in energia ed entusiasmo. Al Marinelli seguono gli spettacoli del Deganutti e del Sello, che portano rispettivamente "Pinocchia" e "Kill Caligola", risultati di un ottimo lavoro di precisione e attenzione verso il ritmo. La serata conclusiva è quella del 28 maggio in cui la compagnia "CCFT" omaggia il tema dell'accoglienza. La magia del Palio ancora una volta non ha deluso le aspettative di tanti fedeli ragazzi che si riuniscono nelle serate di ogni primavera, valorizzando questo piccolo gioiello della nostra città.

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…