Passa ai contenuti principali

Parlamentari per un giorno

di Alessandra Giorgiutti, 3^L

I ragazzi del Liceo Scientifico Marinelli vivono in prima persona un’esperienza nel cuore delle istituzioni della Repubblica Italiana.

Nelle giornate di martedì 10 e mercoledì 11 maggio 2016 noi studenti delle classi 3D e 3L del liceo Marinelli ,accompagnati dalle professoresse Toffoli, Gosparini e Zamparutti, siamo andati in visita alla Camera dei Deputati. Abbiamo avuto questa preziosa opportunità partecipando all’ iniziativa “Giornata di formazione a Montecitorio” indetto dalla Camera dei Deputati che ha come finalità quella di avvicinare le istituzioni parlamentari al mondo della scuola. Al fine di arrivare preparati a Montecitorio abbiamo ideato e perseguito il progetto “Il lungo viaggio verso la democrazia” che aveva come principale obiettivo quello di fornirci gli strumenti adeguati per capire il funzionamento dell’istituzione parlamentare e cercare un collegamento concreto con ciò che abbiamo studiato quest’anno. In particolare ci siamo concentrati sull’analisi approfondita delle idee politiche di due dei più grandi filosofi dell’antichità: Aristotele e Platone leggendo i rispettivi trattati su questo argomento. Il primo giorno di permanenza nella capitale siamo stati accolti dai responsabili del progetto e abbiamo visitato la sede della biblioteca della Camera che si trova a Palazzo San Macuto. In seguito abbiamo incontrato il presidente della Commissione Ambiente Ermete Realacci e la deputata udinese Serena Pellegrino a cui abbiamo potuto porre alcune domande riguardanti principalmente la tutela del paesaggio friulano. Il giorno seguente con un’approfondita visita guidata a Montecitorio siamo riusciti a conoscere da vicino i principali luoghi della democrazia rappresentativa Italiana come Il “Transatlantico” e la Sala del Cavaliere. In quest’ultima abbiamo avuto la possibilità di incontrare alcuni deputati della nostra regione: Paolo Coppola, Gian Luigi Gigli, Serena Pellegrino, Gianna Malisani, Tamara Blazina e Walter Rizzetto Con loro siamo riusciti ad avere un interessante colloquio poiché abbiamo posto numerose domande di carattere amministrativo e sociale sul Friuli Venezia Giulia come, ad esempio, l’erogazione di ulteriori fondi per la tutela e la valorizzazione del territorio friulano o la gestione del flusso di immigrati in regione. E’ stato un incontro appassionante perché i deputati erano particolarmente animati ed erano in grado di coinvolgerci nelle discussioni. Successivamente abbiamo avuto la possibilità di discutere con uno dei vice presidenti della Camera dei Deputati  l’onorevole Giovanni Sanga che fa le veci della Presidente Boldrini in queste occasioni d’incontro con gli studenti. Durante l’incontro abbiamo dibattuto a lungo sul concetto di democrazia e siamo riusciti a porre domande anche citando le idee politiche di Aristotele e Platone. In quest’occasione ci siamo accorti di come sia stato utile lo studio dei testi di questi due grandi filosofi. A Giovanni Sanga abbiamo anche rivolto anche una domanda riguardo a ciò che è accaduto al ricercatore friulano Giulio Regeni e a come l ‘Italia possa considerare ancora l’Egitto uno stato “amico” dopo ciò che è successo. Ora finalmente sappiamo che l’Italia non ha nessuna intenzione di “dimenticare” questa triste vicenda e che attraverso la diplomazia conta di riuscire ad ottenere la verità. Il nostro percorso formativo all’interno del Parlamento è stato particolarmente interessante perché proprio nei giorni in cui ci trovavamo a Roma il governo aveva posto la fiducia riguardo all’approvazione della legge sulle unioni civili. Ci siamo, quindi, resi conto della fragilità e dell’importanza del momento che l’istituzione politica stava vivendo. Approfittando di questa situazione siamo riusciti ad assistere alle dichiarazioni di voto di alcuni parlamentari e alla vera e propria azione di voto. E’ stata un’opportunità preziosa e rara che sicuramente ci ha lasciato la consapevolezza di aver assistito da vicino a un passaggio legislativo molto atteso dalla società civile e che sicuramente sarà ricordato nella storia della nostra Repubblica. Il lungo viaggio verso la democrazia che ci ha condotto a Roma si è rivelato molto gratificante  ognuno di noi soprattutto durante i dibattiti e gli incontri che abbiamo intrapreso con i parlamentari.

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…