Passa ai contenuti principali

Chi saranno i futuri rappresentanti d'istituto?

Interviste alle liste d'istituto:

Attualista

Anna Balduzzi 4I, Kadir Bssila 4G, Carlotta Frizzele 4A, Federico Muzzarelli 4H, Anna Chiara Vigna 4C
Quali sono i punti principali della vostra lista?
Innanzitutto pensiamo che il Progetto di Alternanza Scuola-Lavoro vada migliorato, convertendo alcune attività già presenti a scuola in ore di alternanza. Crediamo anche che debbano essere i ragazzi (e non i professori) ad avere un ruolo di mediazione tra le aziende e gli studenti. Ciò sarebbe attuabile da un “referente” tra gli studenti, che diffonderebbe le novità tra gli studenti anche grazie ai social e canali alternativi.
Per quanto riguarda le assemblee, siamo già in contatto con i rappresentanti di altre scuole per organizzare delle assemblee congiunte. La nostra idea è quella di non rivoluzionare bensì di migliorare le assemblee, introducendo delle “assemblee a tema”, proponendo dibattiti e film in linea con il tema della giornata.
Vorremmo anche far emergere la consulta, da sempre ignorata nella scuola.
Cos'altro vorreste migliorare a scuola?
Pensavamo di aggiungere dei nuclei di panchine in giardino, così che più persone possano sedersi e godersi i momenti di pausa.
Ci piacerebbe anche organizzare più attività all’orto botanico, ad esempio concerti o rappresentazioni teatrali nella bella stagione, per includerlo nelle attività della scuola.
Noi proporremmo di sfruttare gli altoparlanti di cui è dotata la scuola in una nuova maniera. Vorremmo per esempio permettere agli studenti interessati alla musica di trasmettere le loro abilità e preferenze attraverso questo impianto.
Perché votare voi?
L'attuaLista è sia attuale che attuabile. Noi puntiamo sulla comunicazione e sull'attuabilità del progresso al Marinelli.

Insieme Marinelli può


Francesco Massi 3H
Quali sono i punti principali della tua lista?
Il Marinelli si contraddistingue dalle altre scuole per le sue attività studentesche e per il famoso “spirito marinelliano”: vorrei fare in modo che tutti i vari gruppi collaborino tra di loro per portare ad un livello ancora più elevato le nostre attività. Oltretutto, magari grazie ad una collaborazione tra queste sarà possibile aumentare la partecipazione alle assemblee di istituto.
Vorrei impegnarmi anche per quanto riguarda lo sport: sarebbe bello poter finalmente giocare a calcio nella Palestra Fonda senza più chiamarlo “coordinazione oculo-podalica” oppure poter usufruire del campo di atletica del Malignani. Vorrei quindi creare un comitato che risolva questi problemi e che si concentri soltanto sullo sport, cosicché i rappresentanti possano occuparsi di altre questioni (la festa d’istituto, il problema della partecipazione alle assemblee...).
Sarebbe opportuno proporre qualcosa che piaccia agli studenti, non soltanto utilizzando i metodi online ma magari facendo fare ai rappresentanti d’istituto il giro delle classi, affinché i problemi ci vengano riportati al più presto.
Perché i marinelliani dovrebbero votare te?
Purtroppo ho conosciuto molte persone che odiano il fatto che io sia scout, ma se c'è una cosa che questa attività mi ha insegnato è il saper sopravvivere in situazioni molto stressanti. Ho affrontato situazioni in cui pioveva, ero nel bosco e senza cibo, ma ho cercato un modo per sopravvivere. Queste esperienze mi hanno portato ad avere un pensiero pratico e che può risolvere grandi problematiche, potrebbe essere utile per un compito come quello del rappresentante.


Eleonora Bearzi e Diletta Rosin, 5aH

Commenti

Post popolari in questo blog

Moonshine, drink it all the time

di Matteo Nigris e Matteo De Cecco 5^G
Forti della recente uscita di Carnelian [2015] e della risposta fondamentalmente ottima della critica specializzata, i Kill the Vultures, duo hip hop di Minneapolis costituito da Crescent Moon (rapping) e DJ Anatomy (beat, strumentali), hanno iniziato a marzo un tour europeo che vede come grande protagonista l’Italia, in cui terranno tredici date. Una di queste, grazie al contributo di Hybrida, che si occupa dal 2003 di portare musica dal vivo in zona, è risultata essere proprio Udine, nella programmatica location del bar del Cinema Visionario. Così come il cinema unisce individui dalle più disparate formazioni culturali in uno stesso luogo, così il concerto si è dimostrato essere tutto meno che un’adunanza fra patiti di hip hop: l’11 aprile (dopo un rinvio di una settimana dovuto alla nascita imprevista del figlio di Anatomy) la “fauna” che si riunisce in via Fabio Asquini è quanto mai eterogenea, quasi insperabilmente considerata la natura avang…

Lettera al Messaggero Veneto

Giovedì 2 luglio abbiamo scritto una lettera al Messaggero Veneto in protesta ad un articolo sul Marinelli contenente informazioni imprecise e talvolta inventate, sperando di vederla pubblicata o quantomeno di ricevere qualche spiegazione. Purtroppo non è stato così e non abbiamo nemmeno ricevuto una risposta. Non ci resta allora che pubblicare qui la lettera, dando a tutti la possibilità di conoscere i veri fatti, nella speranza che, complice la viralità del web, si riesca a destare l'attenzione del Messaggero Veneto.
Caro direttore,
Le scriviamo questa lettera per esprimerle il nostro disappunto a riguardo di un articolo apparso sul vostro giornale domenica 28 giugno e intitolato Maturità 2015, gli studenti del Marinelli: "Udine addio, vado al Politecnico". Già dal titolo si capisce quale sarà il tono dell'articolo, ma il peggio arriva dopo.
L'articolo è solcato da una serie di fatti puramente inventati. La Sara intervistata ha solo detto che proverà il test di m…

Il Combattente

La storia di Karim Franceschi, un italiano che ha difeso Kobane dall’Isis


di Marco Mion 5^C
Le sue mani hanno accarezzato volti e impugnato Kalashnikov e i suoi occhi hanno contemplato i sorrisi e i lutti di un popolo che, seppur ignorato dai riflettori internazionali, combatte per conquistare la propria libertà, la pace e la democrazia. Karim Franceschi è uno scrittore e attivista politico di ventisette anni che ha combattuto contro lo Stato Islamico a Kobane tra le fila dei partigiani Curdi. E’ stato ospite d’onore, assieme al giornalista Corrado Formigli, al decimo Festival Internazionale del Giornalismo tenutosi a Perugia, in cui ha presentato il suo libro “Il Combattente”. Ha raccontato in una Sala dei Notari gremita una realtà drammatica con estrema sensibilità, elogiando i valori e gli ideali che scandiscono la vita di questi combattenti. Inevitabile il confronto tra questi uomini e donne e quei partigiani che, insieme alle forze alleate, liberarono la n…